Noto: cittadini insorgono contro i randagi

0
178

Un’emergenza già sottolineata la scorsa estate da Selvaggia Lucarelli, a seguito di una visita presso la bellissima Noto, invasa ormai da centinaia di cani randagi che si muovono per il paese in branchi di trenta.

Tutto parte dalle precedenti gestioni del rifugio sanitario, in cui, non tanto tempo fa, erano stati rinvenuti cani maltrattati, morti e sparizione di molti cuccioli. Leggi articolo. Molti di questi sembra che siano stati immessi nel territorio senza essere prima sterilizzati e microchippati, questo ha permesso una proliferazione senza controllo. Oggi a Noto ci sono circa duecento cani randagi interi e anche malati di rogna, un problema di zoonosi molto serio. Se le istituzioni non intervengono in maniera massiccia per fronteggiare l’emergenza, i cani sono a rischio avvelenamento, come è già capitato in passato in altre zone siciliane.

Noi di Radio Cinofilia ci siamo mossi subito e abbiamo contattato e inviato e-mail alla direzione LAV e al distretto di Siracusa. Dalle telefonate è emersa una questione a dir poco raccapricciante, ovvero che da parte della LAV c’è la volontà di fare prevenzione, ma che in tutta la Sicilia trovano ostacoli da parte di chi ha deciso di fare proliferare randagi per un business da capogiro. Quindi anche la LAV non riesce a fronteggiare la situazione del sovraffollamento dei randagi che sta vivendo l’intera regione, per colpa di alcune persone che hanno deciso di fare affari con i randagi.

La stessa cosa sta capitando a Noto, ce lo dice l’avvocato Amalia Lo Giudice, la quale insieme alla signora Paola Russo, hanno preso in gestione da soli tre mesi il rifugio sanitario di Noto, nonostante le due si siano date da fare immediatamente, catturando un altissimo numero di cani per sterilizzarli, non riescono a fronteggiare il sovraffollamento di cani randagi presenti.

Siamo arrivati ad una situazione in cui lo Stato deve intervenire al più presto e mettere fine al business dei randagi, perché a rimetterci sono proprio i nostri amici a quattro zampe.

A breve altri sviluppi sulla vicenda.

Veronica Cucco

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui