Perché non bisogna acquistare i cuccioli nei negozi.

0
984
un allevatore è talmente stanco che spesso crolla vicino ai cuccioli e la mamma

Se stai leggendo questo articolo probabilmente sei amante dei cani, o ne hai già uno o lo vorresti prendere. Se ne hai già uno, sai benissimo quanto tempo si perde per la cura e il benessere del tuo amico fedele, soprattutto se hai a casa un cane di razza. Prova ad immaginare un allevatore che ha tanti cani di razza in casa e che oltre a curare loro, ha anche un lavoro. Un allevatore si alza presto la mattina, li accudisce, va al lavoro, torna li accudisce di nuovo e la sera crolla stanco morto. Ogni cane ha un ruolo, ci sono gli stalloni e le fattrici. Ci sono i cani che partecipano alle gare e altri che si godono la meritata pensione. L’allevatore che ha passione per i suoi cani e l’allevamento, è soddisfatto e non chiede altro dalla vita. Lui si addormenta insieme ai suoi cani, li conosce uno per uno, conosce il loro nome, le loro sfumature caratteriali, i loro difetti, i pregi. L’allevatore contempla i suoi cani e quando è ora della cucciolata inizia a perdere ore e ore di sonno. Non esistono serate mondane, non riesce nemmeno a finire di vedere un film. Un allevatore dedica tante energie per crescere al meglio i suoi cuccioli, investe sulla salute e la bellezza, la sua più grande soddisfazione è l’attesa del parto, vedere cosa è riuscito a creare selezionando determinati soggetti. L’allevamento è solo questo. Ogni cucciolo è una scommessa, ogni cucciolo è un orgoglio. Premesso ciò, come si può pensare che un allevatore, dopo tutta la fatica che ha fatto, possa mettere i suoi cuccioli in vetrina? L’allevatore non vende i suoi cuccioli al miglior offerente, ti aspetta in allevamento, vuole studiarti, vuole capire se ti meriti quello che lui ha creato con molti sacrifici. Quando un cucciolo viene affidato a persone sbagliate, l’allevatore non se lo perdona. Il vero allevatore preferisce che il cucciolo torni indietro e viva il resto della sua vita con lui, piuttosto che fregarsene e permettere che finisca in canile. L’allevatore non abbandona i suoi cuccioli, rimane in contatto con tutti i nuovi proprietari anche se sono antipatici, con altri stringe una forte amicizia. Ma allora da dove arrivano i cuccioli che vediamo in vetrina?

Purtroppo una grossissima percentuale arriva dai traffici. Infatti non li comprerete con il pedigree E.N.C.I.. Proprio questa sera ho segnalato l’ennesimo caso alla forestale, cuccioli microscopici che dovrebbero stare ancora con la mamma messi in vetrina chiamati con il nome del cane di razza e con il rilascio del “pedigree”. Tutto falso!

Un allevatore condanna l’acquisto di un cucciolo nei negozi,

il rischio che muoia dopo qualche giorno è altissimo. Come si può pensare che un allevatore dopo tutta la fatica, decida di mettere in vetrina un suo cucciolo cresciuto con amore e tanta fatica e permettere che uno sconosciuto che potrebbe avere brutte intenzioni, lo acquisti. Il vero allevatore oltre a selezionare i cani è anche molto rigido nella selezione dei futuri proprietari. Ora che avete capito se vi trovate di fronte ad una vetrina dove all’interno ci sono dei cuccioli, chiedete i documenti e i genitori dopodiché vi consiglio di chiamare la forestale, perché c’è quasi sempre un illecito.

Veronica Cucco

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui